Xternals

Xternals Alternative Industrial

Xternals Alternative Industrial

E’ la seconda metà del 2000 quando, dalle ceneri di diversi progetti industrial, nascono dalla grande provincia milanese gli Xternals.
I gruppi da cui vengono piu’ influenzati sono band quali: Nine Inch Nails, Orgy, Young Gods, Filter, Stabbing Westward, Alice In Chains, IAMX, Julien-K… etc….

Il gruppo milanese si fa conoscere fin da subito nella zona grazie ad un’intensa attività live a supporto dei primi due EP autoprodotti: “Cheap Korean Portn” e “The Yesod Recordings”, entrambi accolti dal favore del pubblico che permette ai ragazzi di ritagliarsi una fetta di fama nell’allora fiorente scena post-industrial italiana.

Nel 2010 gli Xternals riescono cosi a condensare cinque anni di tumulti emotivi nel debutto “c”, edito da Copro Records. Un disco che, spazia attraverso diversi generi e colpisce per una impressionante maturità artistica, e per le sonorità rock industral.

Il risultato viene molto apprezzato: “Fistful Of Infinity” viene masterizzato agli storici Sterling Sound di New York e pubblicato in tutto il mondo dall’etichetta inglese Casket Records.

L’uscita del disco segna l’inizio di un periodo molto intenso per la band che nei due anni successivi sarà occupata con diversi concerti italiani a supporto della release. Non passa molto tempo prima che il gruppo si rimetta all’opera su un nuovo progetto, innovativo soprattutto dal punto di vista del sound che diventa più aggressivo ed imponente.

“DreamWalk” rappresenta un’esperienza molto diversa rispetto a tutto quanto prodotto prima; il secondo disco degli Xternals viene curato nella produzione da Marco Coti Zelati, bassista dei Lacuna Coil che spingerà al limite la band fino a creare un sound massiccio e al contempo raffinato.
I ritornelli orecchiabili e la miscela di parti più smaccatamente chitarristiche ed elettroniche restano sempre alla base del trademark Xternals, ma l’insieme risulta ora più aggressivo e deciso, come a rappresentare l’eterna lotta tra la speranza di un futuro migliore e la rabbia e disillusione nei confronti di un presente la cui superficie brillante nasconde solo una realtà di ruggine e degrado.

Line Up :
Alessandro Tripodo – Voce
Riccardo Lausdei – Chitarre
Carlo Dones – Basso
Luca Oldani – Synth
Enzo Arcadi – Batteria

 

#XternalsItalianAlternativeIndustrial

Be Sociable, Share!

You may also like...

Facebook